Ecobonus 2018: nuove detrazioni fiscali per risparmio ed efficienza energetica

Tutte le novità e le modifiche alla normativa introdotte dalla nuova Legge di Stabilità.

L’Ecobonus, l’agevolazione fiscale riservata a contribuenti privati, imprese o società che sostengono spese per interventi di riqualificazione ed efficientamento energetico di immobili già esistenti come abitazioni, uffici, negozi, capannoni, strutture pubbliche, è stato riconfermato per tutto l’anno in corso.

L’Ecobonus 2018 introduce importanti novità e amplia il ventaglio dei soggetti beneficiari e degli interventi agevolabili. L’Ecobonus 2018 potrà essere applicato alle spese per l’installazione dei pannelli solari, opere murarie, eventuali lavori di deviazione e allacciamenti, smontaggio e prestazioni professionali per la redazione della certificazione energetica indispensabile affinché il contribuente possa fruire della detrazione che gli spetta per legge.

Più specificatamente esso comprenderà:

  • Detrazione del 65% per interventi di riqualificazione energetica per un tetto massimo di spesa di 100.000 Euro purché si realizzi una diminuzione del fabbisogno energetico annuo rispetto ai valori indicati nell’allegato A del D.M. 11/03/2008 per gli interventi iniziati nel 2008 e anni successivi;
  • Una detrazione dal 65 al 50% fino a un tetto massimo di spesa di 60.000 Euro per interventi su coperture e pavimenti, finestre e infissi di edifici esistenti, schermature solari, sempre a patto che si realizzi una diminuzione o pari valori indicati dall’Allegato B, punto 2, del D.M. 11/3/2008 e DM 26/1/2010.
  • La detrazione, solo per la componente per l’acqua, al 50% per l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda sia per uso domestico che industriale e sia per l’acquisto di impianti termodinamici per la produzione di acqua calda ed energia elettrica fino a 60.000 Euro.
  • La rimodulazione delle percentuali di detrazione sulla sostituzione di vecchi scaldabagni con scaldacqua a pompa di calore e impianti di climatizzazione invernale con impianti a basso assorbimento di energia o dotati di caldaia ad alta efficienza, in base agli obiettivi raggiunti in termini di impatto sulle emissioni con la seguente differenziazione: detrazione del 50% per le spese di sostituzione o installazione caldaie a condensazione di classe A; detrazione del 65%, entro un massimo di spesa di 30.000 euro, per l’installazione di una caldaia a condensazione di classe A con sistemi di termoregolazione evoluti; nessun tipo di detrazione se si installa una caldaia di classe B.

Resta informato! Seguici anche su Facebook, LinkedIn e Google+!